Inaugurato dalla vicepresidente della camera Sereni Il terzo forum europeo per il diritto allo studio

Nota Stampa

Ha preso il via stamattina, 12 Giugno, a Bologna il terzo forum europeo per il diritto allo studio, organizzato da ANDISU, Associazione nazionale delle organizzazioni di diritto allo studio.

Ad aprire la tre giorni di lavori, la Vicepresidente della Camera dei Deputati Marina Sereni che, oltre al saluto delle istituzioni parlamentari, ha posto l’accento sul valore del forum, dichiarando che “la creazione di uno Spazio Europeo dell’Istruzione superiore” è un “tassello fondamentale di una strategia volta a combattere, qui ed ora, la crisi economica e le ingiustizie sociali che essa ha generato ed acuito, tra gli Stati e all’interno di ogni singolo Stato”. Nel suo accorato intervento di apertura, Sereni, nel tracciare un quadro preoccupante del calo di studenti universitario italiano, meno 58.000 in otto anni, ha concluso auspicando che il forum “possa contribuire a moltiplicare le opportunità di cooperazione, a scambiare le migliori pratiche, a rendere più aperte e competitive le nostre Università, a dare nuova linfa al processo di costruzione europea”.

Il Forum prosegue nella giornata odierna e per i due giorni successivi, con un ricco programma di focus tematici e workshop dedicati, con la presenza di illustri relatori nazionali ed internazionali.

La giornata di oggi (12 Giugno) è dedicata agli Scenari europei di diritto allo studio, con un approfondimento delle normative, delle best practices e delle esperienze a livello continentale. La seconda giornata (13 Giugno) è dedicata a due tematiche-cardine del Processo di Bologna, la Mobilità e l’Occupabilità, con focus tematici sull’accoglienza e la ristorazione, la mobilità, la soddisfazione circa i servizi erogati e le opportunità di inserimento nel mercato globale del lavoro. La terza giornata del Forum (14 Giugno) si dedica a tracciare una sintesi delle tematiche approfondite durante il Forum e a delineare scenari futuri e strategici per il Nuovo Diritto allo Studio in ambito continentale e non solo.

« Torna all'indice delle notizie