Nuovi impegni per Laziodisu

Inaugurato a Roma nel quartiere della Garbatella “Moby Dick. Biblioteca - Hub culturale”, uno spazio pubblico per studenti e cittadini che prende vita grazie all’accordo istituzionale tra Laziodisu e gli Enti locali territoriali.

Una biblioteca in collaborazione con l’università Roma Tre dedicata in rete con il circuito delle biblioteche universitarie,‎ un archivio storico territoriale, una sala convegni, una sala per mostre ed esposizioni, wi-fi, un'emeroteca, una piccola area giochi ed inoltre ospita la “Penny Wirton”, la scuola di italiano per stranieri fondata dallo scrittore Eraldo Affinati.

Un progetto nato nel 2014 quando viene avviato un percorso con la partecipazione di centinaia di persone e realtà organizzate che definiscono un utilizzo partecipato per conferire nella struttura, accanto alla funzione di sala studio e socializzazione, anche la nascita di un centro di documentazione storico territoriale.

Quanto ai servizi, "la biblioteca sarà in rete con le biblioteche delle università e del comune e riusciremo a garantire il prestito in 24-48 ore - ha spiegato il commissario straordinario Laziodisu, Carmelo Ursino - Aprirà alle dieci al mattino e chiuderà alle 21 dal lunedì al sabato, alle 14 la domenica. Ci saranno sia i giornali cartacei che su tablet. Sarà anche uno spazio incubatore di idee per gli studenti”.

Un impegno concreto di Laziodisu che va oltre ai servizi per gli studenti vincitore di borsa di studio universitaria e che si integra in una nuova filosofia di ente attivo e partecipa alla crescita delle offerte per i “cittadini in formazione” grazie ad accordi con altri enti pubblici e privati nelle città laziali.

Proseguiamo nella nostra visione di Laziodisu che vuole offrire alle ragazze e ai ragazzi nuove opportunità di crescita e di formazione - continua Ursino - convinti che mai come in questi tempi dobbiamo allargare le nostre attività e diventare una realtà della Regione Lazio disponibile e affidabile per progetti e servizi innovativi rivolti agli studenti.

Nei prossimi mesi, comunica il vice presidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio, verrà pubblicato un bando per far partire entro un anno un hub culturale sul modello di Moby Dick in ogni provincia del Lazio. Gli ex uffici Laziodisu in via Ostilia, a pochi passi dal Colosseo, prosegue Smeriglio, presto diventeranno porta d’accesso per i servizi della formazione regionale e a Casalbertone, nella Casa dello Studente, apriranno nuovi spazi per il coworking.

Sono molti gli enti per il diritto allo studio in Italia che hanno attivi esperienze simili “È auspicabile che in futuro si possa creare una rete nazionale grazie alla collaborazione di altre realtà simili a Moby Dick – conclude Ursino – un obiettivo che porterà ad aumentare esponenzialmente le occasioni di incontro e di crescita degli studenti universitari.”

vedi l'articolo de "La Repubblica"


« Torna all'indice delle notizie